IL FANTASMA DELL’OPERA, di Gaston Leroux

“La vicinanza di un simile compagno, invece di annichilirmi, mi ispirava un magnifico terrore… Quanto a lui, la sua voce era tuonante, la sua anima vendicativa si avventava su ogni nota e ne aumentava terribilmente la potenza. L’amore, la gelosia, l’odio, esplodevano attorno a noi in grida strazianti…Era Otello in carne ed ossa. Credetti che…